Viagiordanobruno17


novembre 11, 2008, 6:59 pm
Filed under: Uncategorized | Tag: , , ,


MOBILITA’, RICAMBIO… SE NE GUARDANO BENE

Enzo 10 novembre 2008
 

Sono giorni in cui in molti parlano della necessità di ricambio delle classi dirigenti. Bene! E’ un problema noto e coloro che dovrebbero approntare gli strumenti per favore la “mobilità sociale e politica” continuano a nelle loro analisi ma si guardano bene da fare scelte. Negli anni novanta il paese si espresse chiaramente sul sistema elettorale: basta con il proporzionale, basta con la politica del consociativismo, basta con le giometrie variabili ed infatti il “mattarelum” anche se non completamente di tipo maggioritario fu molto apprezzato dagli elettori che finalmente potevano effettuare la scelta del loro rappresentante. In altre parole con il maggioritario si afferma il rapporto diretto tra eletti ed elettori e quello della responsabilità: l’eletto risponde ai propri elettori e non a chi lo ha nominato. Non la faccio lunga ma il sistema elettorale era un punto cardine del “paese che vogliamo” disegnato dall’Ulivo di Prodi. Ecco in questi giorni in cui si festeggia Obama e si cercano i punti di contatto con il PD italiano stupisce come nessuno della leadership democratica casalinga venga in mente di buttare le basi della rinascita e della rivincita elettorale su una proposta chiara da rivolgere al paese: noi siamo una forza riformista che vogliamo “cambiare il paese”. Il nostro obiettivo chiaro e semplice è un sistema elettorale maggioritario . Vogliamo riconsegnare ai cittadini il potere di scelta dei propri rappresentanti. Diritto di scelta dei cittadini e responsabilità dei politici verso i cittadini sono la riforma che proponiamo e per la quale chiediamo la fiducia.

La realtà è molto diversa. Ha già vinto D’Alema che guardava da tempo ad un sistema politico dove il PD, assieme a piccoli cespugli, si allea con l’UDC di Casini.

Ecco per il bene del paese alleatevi con Cuffaro.

 
 

cuffaro2

Annunci